Cultura e stile di vita in Piemonte

Informazioni sulla cultura e lo stile di vita del Piemonte

Le imponenti Alpi rappresentano il 41% della regione Piemonte rendendolo un paradiso per escursionisti, appassionati di sport invernali e amanti della natura. Le aree viticole delle colline del Monferrato, delle Langhe e del Roero rappresentano un altro 36% e il restante 27% della regione è pianura. È qui che gli italiani sempre intraprendenti coltivano abbastanza riso da rivendicare il titolo di più grande produttore di riso d’Europa.

Il Piemonte occupa una vasta area che confina con la Francia e la Svizzera ed è l’antico dominio della famiglia reale dei Savoia che governò l’Italia dall’Unità nel 1870 fino all’abdicazione nel 1946. È un luogo memorabile dove ogni paese ha un castello o una torre che testimonia la sua storia e leggende. La selezione naturale dei geni culturali piemontesi ha favorito l’intraprendenza, l’innovazione e una coltivazione rispettosa della terra e della sua gente. Qui in Piemonte, la prosperità economica si gode in equilibrio con un ottimo stile di vita, una combinazione a cui aspirano solo molte altre parti del mondo. Una spiegazione di questo fenomeno è che l’evoluzione del Piemonte ha sostenuto la produzione di ricchezza in gran parte attraverso reti di piccole e medie imprese a conduzione familiare.

I piemontesi lavorano sodo ma si prendono il tempo per godersi le altre cose importanti della vita. La famiglia e gli amici vengono prima di tutto; si prendono cura l’uno dell’altro ma si aspettano poco da chiunque altro. Forse perché la regione è incapsulata dalle magnifiche e imponenti Alpi e dalla Liguria e dal mare, si ottiene un popolo che molto tempo fa ha imparato a fare affidamento sulle proprie piccole comunità per tutto. È un luogo sereno, dove gli anziani delle comunità sono abbastanza rispettati da influenzare ancora gli attaccamenti culturali delle generazioni successive. Qui scoprirai che ci sono ancora cose più importanti del denaro. I nostri visitatori sono invariabilmente toccati dalla gentilezza e dalla cortesia delle persone che incontrano qui.

Il Piemonte è riconosciuto per la sua vinicoltura di classe mondiale e la grande gastronomia. Sta diventando sempre più una mecca per i buongustai esperti di tutto il mondo. Ma queste delizie non sono tutto ciò che offre ai visitatori. Il menu dei viaggiatori comprende anche un’ampia selezione di attività all’aria aperta e un’abbondanza di esperienze artistiche e culturali. Tuttavia, nonostante le sue montagne, laghi e colline irrimediabilmente pittoresche (di cui ce ne sono molte di più per miglio quadrato che in Toscana), i segreti del Piemonte devono ancora essere scoperti dal maggior numero di visitatori che visitano regolarmente altre parti d’Italia. Più della metà del patrimonio storico e artistico mondiale si trova in Italia (fonte: UNESCO) e molti di questi tesori vivono in Piemonte. Ha siti archeologici e monumenti che adornano piccoli paesi e borghi collinari che premiano il viaggiatore con un viaggio senza fine nella cultura e nella bellezza. I turisti che vengono in Piemonte sono accolti calorosamente dalla gente del posto che ancora non capisce bene cosa c’è di così speciale nei loro paesaggi meravigliosi, il cibo e il vino da morire, la cultura e l’arte in ogni angolo e il grande stile di vita che tutti considerano concesso.

Dogane e murene

Cultura del caffè

La “cultura del caffè” è una parte fondamentale della normale vita piemontese e tutto un ordine sociale ruota attorno alla sosta nei bar e nei ristoranti. Anche i villaggi più piccoli avranno almeno un bar che funge anche da caffetteria e luogo di ritrovo generale.

Vale la pena notare che se vuoi fonderti con la gente del posto, non bere mai cappuccino dopo le 10:00. Il cappuccino è considerato una bevanda solo per la colazione, dopodiché la maggior parte degli italiani passa a bere l’espresso

Bere aperitivi è una parte fondamentale della cultura del caffè piemontese. Questa è la meravigliosa tradizione di servire snack con bevande [non caffè]. Quando si ordinano le bevande durante l’aperitivo, si possono gustare snack di accompagnamento che vanno da semplici ciotole di frutta secca, a bocconcini di pizza fresca e deliziose salse salate. Ci sono due periodi di “aperitivo” in un giorno ed è difficile essere precisi sugli orari esatti. Il primo inizia poco prima di pranzo, che in Piemonte significa intorno alle 12:00 e prima delle 13:00. Il secondo avviene in prima serata intorno alle 17:30 fino alle 19:30. Questo è normalmente il periodo più movimentato nei centri storici, quando i piemontesi si abbandonano al loro amore per le passeggiate, per lo shopping e semplicemente per essere visti socializzare con gli amici. I bar competono tra loro per offrire i migliori aperitivi, quindi controlla in giro per trovare il migliore.


Mangiare fuori – Capire il menu

Quando mangi fuori in Piemonte non aspettarti sempre un menu, il cibo del giorno in molti ristoranti sarà influenzato da ciò che è di stagione e da ciò che è stato acquistato fresco quella mattina, normalmente da un mercato locale. In generale, poiché la maggior parte del cibo è preparato fresco, i ristoranti preferiscono avere un preavviso sui numeri degli ospiti, quindi è consigliabile prenotare, inoltre informarli in anticipo se si hanno esigenze dietetiche particolari.

Se ottieni un menu, sarà normalmente diviso in diverse sezioni sotto i titoli: Antipasti; Prima Piatti; Contorni; Secondi Piatti; e Dolci. Tradotto approssimativamente corrisponde ad Antipasto, Primo Piatto, Contorni/Verdure, Secondo Piatto e Dolce. Gli Antipasti sono una specialità piemontese e un pranzo tipico piemontese può comprendere molte portate di Antipasti. Consulta la pagina Cibo sul nostro sito we per trovare esempi di tutti i diversi corsi. Non preoccuparti se il tuo italiano non è perfetto perché la maggior parte dei proprietari sarà orgogliosa di scegliere qualcosa da farti mangiare e sorprenderti con una lunga sequenza di piatti diversi. Non è raro che ti venga offerto un menu degustazione di piatti preselezionati da provare. La sera è perfettamente accettabile selezionare le voci da una sola sezione del menu, ad esempio ordinare solo un primo piatto o ordinare più portate di soli antipasti. Se riesci a mantenere il ritmo, i dessert possono essere meravigliosi e ci sono vari meravigliosi formaggi locali. Grissini [grissini sottili] e/o panini sono normalmente serviti all’inizio del pasto e spesso forniti senza costi aggiuntivi. Alcuni ristoranti [in particolare nelle città più frequentate dai turisti] aggiungeranno un coperto standard per il servizio, ma non è una pratica diffusa. La mancia non è necessaria o prevista e anzi può essere offensiva in alcune circostanze. Consulta il nostro traduttore di menu.

In Piemonte esiste un numero eccezionalmente elevato di ristoranti, tutti ispirati a una cucina territoriale più o meno tradizionale. Molti sono famosi a livello internazionale; altri esprimono la loro creatività come semplici trattorie. Si stanno diffondendo sempre di più le enoteche o le moderne osterie, che puntano sul servizio dei vini accompagnati da buoni piatti tipici. Consulta i nostri collegamenti ai ristoranti consigliati per consigli specifici.

Pranzo

Qualunque cosa tu decida di fare in Piemonte è importante capire che tutto si ferma a pranzo! Per almeno due ore ogni giorno tutto si ferma per il cibo. La maggior parte delle persone torna a casa perché la norma è lavorare a pochi chilometri da dove vivi. Anche a Torino [il capoluogo piemontese] la maggior parte dei negozi chiude intorno alle 12.30 e non riapre prima delle tre. I piemontesi amano mangiare bene e prendono molto sul serio il cibo e il vino, il pranzo è il pasto principale della giornata e il pranzo della domenica con tutta la famiglia è spesso di nuovo più grande.

In viaggio in Piemonte: una breve guida per intrepidi enoappassionati

Al confine con le Alpi, il Piemonte è una regione pittoresca e ricca di storia nel nord-ovest dell’Italia. A quasi 10.000 miglia quadrate è tutt’altro che piccolo e composto da molte città e comuni è un mosaico di cultura e intrighi. Circa 1 ora a sud della capitale della regione, Torino, si trova una regione collinare conosciuta come le Langhe. Famose per il vino, i formaggi e i tartufi, le Langhe sono riconosciute dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità, anche per la straordinaria testimonianza vivente della tradizione vitivinicola. Con i vini che sono saliti a livelli stratosferici negli ultimi decenni, il Piemonte è diventato una tappa obbligata per gli amanti del vino di tutto il mondo. Tuttavia, data la sua natura rurale, spesso antiquata, può essere difficile da navigare per i visitatori alle prime armi. Ho avuto la fortuna di visitare la zona più volte, è un comune che ha molto da offrire all’intrepido esploratore. Spero che questa breve guida renda più facile visitare il Piemonte, aiutandoti a ottenere il massimo dai tuoi viaggi.

Come arrivarci

Torino è l’aeroporto più comodo per chi vuole visitare Barolo e/o Barbaresco. I voli per Torino dall’Europa sono relativamente economici ed essendo un hub metropolitano la città ha ampi collegamenti di viaggio con Alba, una città locale ideale (a circa 1 ora da Torino in auto) con numerosi hotel, ristoranti e bar. Se più facile, per qualsiasi motivo, Milano è anche un aeroporto fattibile, a circa 1 ora di treno da Torino. Coloro che volano a Torino o Milano potrebbero desiderare di trascorrere una giornata in entrambe le città, c’è molto da vedere e da fare, volare a Milano può essere l’ideale per coloro che desiderano espandere il proprio viaggio oltre il semplice vino.

Avendo scelto di prendere i mezzi pubblici durante le visite precedenti, durante una visita recente ho noleggiato un’auto. Ciò si è dimostrato sia più efficiente che conveniente. La soluzione migliore è Auto Europe, un sito di comparazione di noleggi, dove troverai l’offerta più adatta alla durata del tuo soggiorno e all’entità del tuo budget. Il prelievo è semplice dall’aeroporto di Torino e il parcheggio è abbastanza ampio ad Alba. Viaggiare è facile usando Waze o Maps, anche i segnali stradali sono abbastanza facili da seguire anche con una conoscenza di base dell’italiano.

Un posto dove stare

Sia il Barolo che il Barbaresco rimangono particolarmente rurali, i taxi la sera tardi possono essere difficili e sebbene ci siano una serie di ottimi ristoranti, non sono sempre facili da raggiungere. Su questa base consiglio di soggiornare ad Alba, situata a circa 30 minuti sia da Barolo che da Barbaresco. I taxi sono accessibili così come i trasporti pubblici, ristoranti e bar. Ci sono molti hotel disponibili, Air B&B o Booking.com di solito sfornano una manciata di risultati adatti. Durante l’ultima visita, ho soggiornato alla Voglia di Vino Locanda, un B&B moderno, pulito ed economico nel centro di Alba. Il caffè e i pasticcini a colazione sono un punto culminante particolare e la sera l’enoteca e il ristorante al piano di sotto sono l’ideale.

Se ti senti un po ‘più avventuroso e vuoi soggiornare a Barbaresco, la prima volta che ho visitato ho soggiornato al Bed & Breakfast Giuseppe Cortese. Immerso tra alcuni dei vigneti più apprezzati del Barbaresco e di proprietà della rinomata famiglia Cortese. La villa ha una vista spettacolare, le camere sono ben arredate e una piscina è disponibile in estate. La famiglia è inoltre lieta di ospitarvi per un tour e una degustazione a vostro piacimento.

Enoteche in abbondanza

Passerò ai ristoranti e alle visite in cantina, ma prima parliamo di enoteche. Ogni volta che visito una regione vinicola, inizio immediatamente a setacciare Internet per trovare un’ottima enoteca, sia per la sera che per il giorno. A volte ci riesco, ma per un motivo o per l’altro, spesso fallisco. Visitare il Piemonte non è diverso; tuttavia, qui non mancano le enoteche epiche.

L’enoteca Koki si trova nel cuore del villaggio di Barbaresco, una sosta perfetta per un rinfresco di metà pomeriggio o una bottiglia di prima serata, tonnellate di ottimo vino (La Spinetta ecc.) al bicchiere e una lista steller. L’Enoteca La Vite Turchese, invece, si trova a Barolo paese, analogamente a Koki è ottimo a metà pomeriggio o prima serata. Il negozio confeziona alcune bottiglie serie e tutte sono disponibili per l’acquisto, Pol Roger al bicchiere l’ultima volta che ho visitato è stata una delizia rinfrescante dopo aver assaggiato a Chiara Boschis, che è proprio in fondo alla strada. Infine Voglia di Vino, ad Alba, uno dei miei ritrovi preferiti la sera tardi dopo cena. Buona lista internazionale e molto disponibile al bicchiere. Tutto quanto sopra ha elenchi superbi secondo gli standard di chiunque e tutti a prezzi ragionevoli, essendo il prezzo una delle attrazioni più discrete della regione.

Mangiare fuori

Oltre ad essere la patria di alcuni dei viticoltori più dotati al mondo, le Langhe vantano tutta una serie di ottimi ristoranti. In effetti, il Piemonte contribuisce a consolidare il posto dell’Italia nei regni alti della guida Michelin, con 39 ristoranti stellati in totale. Tuttavia, ciò che è veramente eccezionale nei ristoranti della regione è la gamma di stile e prezzo. Dalle trattorie e osterie più piccole a conduzione familiare, ai ristoranti stellati Michelin, puoi avere un assaggio del ricco patrimonio culturale della regione qualunque sia il tuo budget.

Locanda Fontanazza, una gemma nascosta a La Morra con una vista eccezionale su tutta la regione, perfetta per il pranzo in una giornata asciutta e limpida. Gli ingredienti sono di provenienza iper-locale e su base stagionale, il menu riflette la qualità degli ingredienti, semplice ma efficace. La carta dei vini è ampia con bottiglie di produttori meno noti ma lodati. La Libera, un ristorante eccentrico ma ben eseguito ad Alba, il menu è rappresentativo dei piatti tradizionali della regione, raffinati e ottimizzati. La lista dei vini è entusiasmante e conveniente, la mia ultima visita ha coinvolto Produttori Muncagota e altro ancora. L’Osteria taStè si trova in una vecchia scuola, a pochi passi dal B&B Giuseppe Cortese. Al culmine della stagione del tartufo, taStè offre ai commensali un menu incentrato sul tartufo a un prezzo più che ragionevole. Mi sono concessa una tartare con abbondante scaglie di tartufo, una bottiglia di Barbaresco Pora e tanto altro.

La Ciau del Tornavento è un must stellato Michelin per gli amanti del vino in visita in Piemonte. Un piacere indulgente, opulenza incarnata ovunque. Ambienti impressionanti, personale cortese e una carta dei vini che assomiglia a una bibbia, sono motivi sufficienti per visitarlo. Il cibo è creativo, durante la stagione del tartufo La Ciau offre un incomparabile menu degustazione di tartufi, con alcuni dei tartufi più grandi che abbia mai visto rasati ai tavoli, è grande l’odore che infonde l’aria. Tuttavia, questo non è il momento clou. Per gli amanti del vino è d’obbligo un viaggio nell’ampia cantina, un caveau First Growth, un muro d’Yquem e migliaia di bottiglie da sfogliare. Tom Hyland, Food & Drink presso Forbes, ha esplorato altri stabilimenti della regione qui, così come Valerie qui.

Le cantine

Ho un approccio laissez-faire alla visita delle cantine, vedo qualsiasi motivo di vincolo riguardo al fatto che un’azienda vinicola abbia o meno una pagina di “tour” sul proprio sito. Raramente sono timido nell’inviare un’e-mail. Se c’è un particolare produttore che ammiri, trova il suo sito Web e inviagli un’e-mail. Qual è la cosa peggiore che può succedere, giusto?

Qui sono elencati alcuni dei produttori che ho visitato che mi hanno particolarmente colpito sia per quanto riguarda i vini che per il tour stesso. Questi includono ma non sono limitati ai Produttori del Barbaresco, Claudia Cigliuti, Oddero, Chiara Boschis, Elio Grasso, Marchesi di Gresy, Massolino, Aurelio Settimo. Ci sono un certo numero di produttori che mi piacerebbe visitare e che incoraggerei anche voi, tra questi Cascina Roccalini, Ceretto, Pio Cesare, Albino Rocca, Roagna, Fletcher Wines, Elio Sandro, Fuori dall’immediato più accessibile, che io ho notato in precedenza, ci sono un certo numero di produttori che mi piacerebbe visitare ma in realtà è difficile per i profani farlo, inclusi in questa “lista dei desideri” ci sono Giuseppe Rinaldi, Gaja, Bruno Giacosa, Giuseppe Mascarello, Bartolo Mascarello, Lorenzo Accomasso, Aldo Conterno, Giacomo Conterno, Giacomo Fenocchio, Paolo Scavino.

Certo, ci sono molti altri produttori brillanti, elencarli tutti sarebbe un’impresa inutile. Invece, ho semplicemente dato i nomi dei produttori che io stesso ho visitato e quelli che vorrei visitare in futuro, questo dovrebbe aiutare a restringere la tua selezione.

A proposito di Piemonte & Arrivare in Piemonte

Sul Piemonte

Piedmont, or Piemonte as the region is known in Italy, is located in Northwestern Italy, bordering both France and Switzerland, at the foot of the Alps. Piemonte comes from the Italy words “pied” and “mont” meaning “foot” and “hill.” Turin is the largest city in Piedmont, although Milan is in the bordering region of Lombardy is just an hour away.

Piedmont is the second-largest region in Italy, behind Sicily, and the most popular areas to visit are the Langhe, Roero, and Monferrato provinces of Piemonte. The region is famous for wine, truffles, and hazelnuts, but is also home to Fiat, Martini & Rossi (remember those Asti Spumante commercials from the 80s?), and Ferrero-Rocher, which has a huge factory just outside of Alba.

The Langhe, Roero, and Monferrato hill districts were listed as UNESCO World Heritage Sites in 2014 for the beauty and historical meaning of the landscape. In addition to the wine regions, Piedmont is home to mountain ski resorts and lake districts, including Lago d’ Orta (Lake Orta) and Lake Maggiore, which borders Piedmont and Lombardy. The mountains are probably the most famous for hosting the 2006 Winter Olympics in Turin.

Ex “regione capitale” d’Italia, il Piemonte è stato testimone di alcuni dei maggiori sviluppi della storia. La regione offre anche paesaggi da cartolina, borghi incantevoli, splendidi castelli, aziende vinicole all’avanguardia e specialità gastronomiche locali di fama mondiale.

Il Piemonte è la seconda più grande delle 20 regioni italiane, dopo la Sicilia. Confina con la Francia, la Svizzera e le regioni Valle d’Aosta, Lombardia, Liguria e in piccola parte anche Emilia Romagna.

Il nome Piemonte deriva dal latino medievale Pedemontium o Pedemontis, i. e. ad pedem montium, che significa “ai piedi dei monti”. La regione è infatti circondata su tre lati dalle Alpi, tra cui il Monviso (Mont Vis), dove sorge il Po, e il Monte Rosa.

La regione ha una popolazione di circa 4,4 milioni. Il capoluogo del Piemonte è Torino, un tempo prima capitale del Regno d’Italia.

La principale lingua locale è il piemontese. L’occitano e il francoprovenzale sono parlati anche da minoranze rispettivamente nelle valli occitane e nelle alture alpine della provincia di Torino.

Arrivare in Piemonte

Per raggiungere il Piemonte, puoi volare da molte città europee tra cui Roma, Londra, Parigi, Madrid e Monaco di Baviera all’aeroporto internazionale Torino Caselle o Torino Sandro Pertini (TRN) di Torino. Se stai visitando dagli Stati Uniti, potresti avere migliori opzioni di volo per Milano, direttamente dagli aeroporti JFK di Newark o New York o in coincidenza in Europa con le principali compagnie aeree. Tuttavia, se riesci a trovare un volo economico per l’Europa e quindi utilizzare una compagnia aerea a basso costo, volare a Torino segnerà un affare migliore.

In treno si possono raggiungere anche molte città del Piemonte, tra cui Alba, Asti e Torino. Dista circa 1 ora da Milano, 2,5 ore da Bologna, tre ore da Firenze e 4,5 ore da Roma. Comunque arrivi in Piemonte, vorrai noleggiare un’auto durante il tuo soggiorno in modo da avere la libertà di esplorare. Di solito utilizzo Auto Europe per confrontare le tariffe e prenotare le auto a noleggio quando viaggio in Europa.