In viaggio in Piemonte: una breve guida per intrepidi enoappassionati

Al confine con le Alpi, il Piemonte è una regione pittoresca e ricca di storia nel nord-ovest dell’Italia. A quasi 10.000 miglia quadrate è tutt’altro che piccolo e composto da molte città e comuni è un mosaico di cultura e intrighi. Circa 1 ora a sud della capitale della regione, Torino, si trova una regione collinare conosciuta come le Langhe. Famose per il vino, i formaggi e i tartufi, le Langhe sono riconosciute dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità, anche per la straordinaria testimonianza vivente della tradizione vitivinicola. Con i vini che sono saliti a livelli stratosferici negli ultimi decenni, il Piemonte è diventato una tappa obbligata per gli amanti del vino di tutto il mondo. Tuttavia, data la sua natura rurale, spesso antiquata, può essere difficile da navigare per i visitatori alle prime armi. Ho avuto la fortuna di visitare la zona più volte, è un comune che ha molto da offrire all’intrepido esploratore. Spero che questa breve guida renda più facile visitare il Piemonte, aiutandoti a ottenere il massimo dai tuoi viaggi.

Come arrivarci

Torino è l’aeroporto più comodo per chi vuole visitare Barolo e/o Barbaresco. I voli per Torino dall’Europa sono relativamente economici ed essendo un hub metropolitano la città ha ampi collegamenti di viaggio con Alba, una città locale ideale (a circa 1 ora da Torino in auto) con numerosi hotel, ristoranti e bar. Se più facile, per qualsiasi motivo, Milano è anche un aeroporto fattibile, a circa 1 ora di treno da Torino. Coloro che volano a Torino o Milano potrebbero desiderare di trascorrere una giornata in entrambe le città, c’è molto da vedere e da fare, volare a Milano può essere l’ideale per coloro che desiderano espandere il proprio viaggio oltre il semplice vino.

Avendo scelto di prendere i mezzi pubblici durante le visite precedenti, durante una visita recente ho noleggiato un’auto. Ciò si è dimostrato sia più efficiente che conveniente. La soluzione migliore è Auto Europe, un sito di comparazione di noleggi, dove troverai l’offerta più adatta alla durata del tuo soggiorno e all’entità del tuo budget. Il prelievo è semplice dall’aeroporto di Torino e il parcheggio è abbastanza ampio ad Alba. Viaggiare è facile usando Waze o Maps, anche i segnali stradali sono abbastanza facili da seguire anche con una conoscenza di base dell’italiano.

Un posto dove stare

Sia il Barolo che il Barbaresco rimangono particolarmente rurali, i taxi la sera tardi possono essere difficili e sebbene ci siano una serie di ottimi ristoranti, non sono sempre facili da raggiungere. Su questa base consiglio di soggiornare ad Alba, situata a circa 30 minuti sia da Barolo che da Barbaresco. I taxi sono accessibili così come i trasporti pubblici, ristoranti e bar. Ci sono molti hotel disponibili, Air B&B o Booking.com di solito sfornano una manciata di risultati adatti. Durante l’ultima visita, ho soggiornato alla Voglia di Vino Locanda, un B&B moderno, pulito ed economico nel centro di Alba. Il caffè e i pasticcini a colazione sono un punto culminante particolare e la sera l’enoteca e il ristorante al piano di sotto sono l’ideale.

Se ti senti un po ‘più avventuroso e vuoi soggiornare a Barbaresco, la prima volta che ho visitato ho soggiornato al Bed & Breakfast Giuseppe Cortese. Immerso tra alcuni dei vigneti più apprezzati del Barbaresco e di proprietà della rinomata famiglia Cortese. La villa ha una vista spettacolare, le camere sono ben arredate e una piscina è disponibile in estate. La famiglia è inoltre lieta di ospitarvi per un tour e una degustazione a vostro piacimento.

Enoteche in abbondanza

Passerò ai ristoranti e alle visite in cantina, ma prima parliamo di enoteche. Ogni volta che visito una regione vinicola, inizio immediatamente a setacciare Internet per trovare un’ottima enoteca, sia per la sera che per il giorno. A volte ci riesco, ma per un motivo o per l’altro, spesso fallisco. Visitare il Piemonte non è diverso; tuttavia, qui non mancano le enoteche epiche.

L’enoteca Koki si trova nel cuore del villaggio di Barbaresco, una sosta perfetta per un rinfresco di metà pomeriggio o una bottiglia di prima serata, tonnellate di ottimo vino (La Spinetta ecc.) al bicchiere e una lista steller. L’Enoteca La Vite Turchese, invece, si trova a Barolo paese, analogamente a Koki è ottimo a metà pomeriggio o prima serata. Il negozio confeziona alcune bottiglie serie e tutte sono disponibili per l’acquisto, Pol Roger al bicchiere l’ultima volta che ho visitato è stata una delizia rinfrescante dopo aver assaggiato a Chiara Boschis, che è proprio in fondo alla strada. Infine Voglia di Vino, ad Alba, uno dei miei ritrovi preferiti la sera tardi dopo cena. Buona lista internazionale e molto disponibile al bicchiere. Tutto quanto sopra ha elenchi superbi secondo gli standard di chiunque e tutti a prezzi ragionevoli, essendo il prezzo una delle attrazioni più discrete della regione.

Mangiare fuori

Oltre ad essere la patria di alcuni dei viticoltori più dotati al mondo, le Langhe vantano tutta una serie di ottimi ristoranti. In effetti, il Piemonte contribuisce a consolidare il posto dell’Italia nei regni alti della guida Michelin, con 39 ristoranti stellati in totale. Tuttavia, ciò che è veramente eccezionale nei ristoranti della regione è la gamma di stile e prezzo. Dalle trattorie e osterie più piccole a conduzione familiare, ai ristoranti stellati Michelin, puoi avere un assaggio del ricco patrimonio culturale della regione qualunque sia il tuo budget.

Locanda Fontanazza, una gemma nascosta a La Morra con una vista eccezionale su tutta la regione, perfetta per il pranzo in una giornata asciutta e limpida. Gli ingredienti sono di provenienza iper-locale e su base stagionale, il menu riflette la qualità degli ingredienti, semplice ma efficace. La carta dei vini è ampia con bottiglie di produttori meno noti ma lodati. La Libera, un ristorante eccentrico ma ben eseguito ad Alba, il menu è rappresentativo dei piatti tradizionali della regione, raffinati e ottimizzati. La lista dei vini è entusiasmante e conveniente, la mia ultima visita ha coinvolto Produttori Muncagota e altro ancora. L’Osteria taStè si trova in una vecchia scuola, a pochi passi dal B&B Giuseppe Cortese. Al culmine della stagione del tartufo, taStè offre ai commensali un menu incentrato sul tartufo a un prezzo più che ragionevole. Mi sono concessa una tartare con abbondante scaglie di tartufo, una bottiglia di Barbaresco Pora e tanto altro.

La Ciau del Tornavento è un must stellato Michelin per gli amanti del vino in visita in Piemonte. Un piacere indulgente, opulenza incarnata ovunque. Ambienti impressionanti, personale cortese e una carta dei vini che assomiglia a una bibbia, sono motivi sufficienti per visitarlo. Il cibo è creativo, durante la stagione del tartufo La Ciau offre un incomparabile menu degustazione di tartufi, con alcuni dei tartufi più grandi che abbia mai visto rasati ai tavoli, è grande l’odore che infonde l’aria. Tuttavia, questo non è il momento clou. Per gli amanti del vino è d’obbligo un viaggio nell’ampia cantina, un caveau First Growth, un muro d’Yquem e migliaia di bottiglie da sfogliare. Tom Hyland, Food & Drink presso Forbes, ha esplorato altri stabilimenti della regione qui, così come Valerie qui.

Le cantine

Ho un approccio laissez-faire alla visita delle cantine, vedo qualsiasi motivo di vincolo riguardo al fatto che un’azienda vinicola abbia o meno una pagina di “tour” sul proprio sito. Raramente sono timido nell’inviare un’e-mail. Se c’è un particolare produttore che ammiri, trova il suo sito Web e inviagli un’e-mail. Qual è la cosa peggiore che può succedere, giusto?

Qui sono elencati alcuni dei produttori che ho visitato che mi hanno particolarmente colpito sia per quanto riguarda i vini che per il tour stesso. Questi includono ma non sono limitati ai Produttori del Barbaresco, Claudia Cigliuti, Oddero, Chiara Boschis, Elio Grasso, Marchesi di Gresy, Massolino, Aurelio Settimo. Ci sono un certo numero di produttori che mi piacerebbe visitare e che incoraggerei anche voi, tra questi Cascina Roccalini, Ceretto, Pio Cesare, Albino Rocca, Roagna, Fletcher Wines, Elio Sandro, Fuori dall’immediato più accessibile, che io ho notato in precedenza, ci sono un certo numero di produttori che mi piacerebbe visitare ma in realtà è difficile per i profani farlo, inclusi in questa “lista dei desideri” ci sono Giuseppe Rinaldi, Gaja, Bruno Giacosa, Giuseppe Mascarello, Bartolo Mascarello, Lorenzo Accomasso, Aldo Conterno, Giacomo Conterno, Giacomo Fenocchio, Paolo Scavino.

Certo, ci sono molti altri produttori brillanti, elencarli tutti sarebbe un’impresa inutile. Invece, ho semplicemente dato i nomi dei produttori che io stesso ho visitato e quelli che vorrei visitare in futuro, questo dovrebbe aiutare a restringere la tua selezione.