Itinerario Piemonte – Fiera del Tartufo Bianco d’Alba

Siamo arrivati di sabato e abbiamo scelto di trascorrere la nostra prima giornata intera in Piemonte alla Fiera del Tartufo Bianco d’Alba perché la maggior parte degli eventi speciali si svolgono nel fine settimana. I biglietti per la Fiera sono in vendita nel mese di agosto ed è necessario acquistare in anticipo i biglietti con ingresso a tempo. Consiglio vivamente anche di ricercare eventuali eventi speciali a cui potresti voler partecipare quando pianifichi il tuo viaggio e di acquistare i biglietti per questi eventi con largo anticipo, poiché si esauriscono abbastanza rapidamente. Questi eventi possono includere degustazioni di vini, dimostrazioni di cucina e altri seminari didattici.

Nei fine settimana durante la festa, la città di Alba ospita anche eventi complementari come il Palio degli asini o le rievocazioni storiche durante il Baccanale dei Borghi. Abbiamo avuto la fortuna di visitare durante il fine settimana il Baccanale dei Borghi, con vari giochi e attività che si svolgono in ogni quartiere di Alba.

L’Hotel La Villa dista circa 45 minuti di auto dalla Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba. Il Festival stesso si trova nell’area del festival nel centro di Alba. È più facile parcheggiare alla stazione ferroviaria e seguire la folla fino a Piazza Michele Ferrero e poi attraversare la città fino al festival. Questo rende il parcheggio facile da trovare e le indicazioni facili da seguire evitando di guidare attraverso la folla più fitta.

La Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba ufficiale si trova nel centro della città, al Mercato Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba Alba Ingresso da Piazza Falcone, e per entrare è necessario un biglietto a pagamento. Tuttavia, ci sono venditori di cibo di strada e mercati allestiti in tutta la città che chiunque può godere. La gente del posto vende prodotti alimentari e artigianato e c’era un grande mercato alimentare e di abbigliamento allestito dall’altra parte della città.

Quando acquisti i biglietti per la Fiera, puoi acquistare solo un biglietto d’ingresso o aggiungere una degustazione di vini. Se ottieni la degustazione di vini, ti verrà dato un bicchiere con un supporto intorno al collo e buoni per due degustazioni. C’è un bar allestito per queste degustazioni ufficiali di vino. Tuttavia, ci sono anche altri produttori che saranno lieti di offrirvi un assaggio dei loro vini.

Il quartiere fieristico è abbastanza piccolo e bastano un paio d’ore per esplorare e assaggiare a fondo i vari prodotti. Troverai tartufai, noccioleti, panifici, casari, produttori di salumi e altri prodotti alimentari in vendita e degustazione. Tutto è delizioso e si è tentati di fare molti acquisti. Tieni presente che i tartufi dureranno solo pochi giorni e devono essere mantenuti umidi e freschi (forniranno istruzioni). Acquista ciò che vuoi goderti mentre sei in Italia, ma non impazzire perché non vuoi che i prodotti vadano a male e devi prestare attenzione a quali prodotti puoi portare a casa.

Oltre ai prodotti in vendita e da degustare, è possibile acquistare assaggi a base di tartufo, come la pasta al tartufo e le uova al tartufo. Tuttavia, invece di pranzare in Fiera, abbiamo prenotato all’Enoclub. È stato bello sedersi a un pasto favoloso con un servizio eccellente dopo aver trascorso del tempo a degustare, ma senza esagerare, in Fiera. Abbiamo discusso di provare il ristorante Piazza Duomo ad Alba, tre stelle Michelin, ma non potevamo giustificare la spesa e, onestamente, siamo rimasti molto contenti dell’ottimo ma meno pretenzioso Enoclub.

Dopo un pasto immensamente soddisfacente, ci siamo presi il pomeriggio per goderci il Boroughs Bacchanal. In ogni quartiere ci sono attori vestiti con costumi d’epoca che eseguono giochi antichi, dimostrano mestieri o artigianato, e partecipano a balli e canti per ricreare l’atmosfera medievale ad Alba. Ogni piccolo quartiere vende anche cibi o vino tradizionali. Questi eventi per famiglie offrono un modo divertente per sentirsi come un locale.

In serata, potresti voler iscriverti a una dimostrazione di cucina in fiera da uno chef locale. C’è una tassa e le prenotazioni devono essere effettuate in anticipo. Prova a cercarne uno che sia offerto sia in italiano che in inglese. Una volta preparato il piatto, ti viene servito un assaggio e poi puoi richiedere di aggiungere tartufi al tuo piatto a un costo aggiuntivo.

È possibile tornare in Fiera in giorni aggiuntivi se si desidera partecipare a più degustazioni di vino, dimostrazioni di cucina o cene speciali degli chef in tutta la regione, ma davvero non è necessario più di un giorno ad Alba alla Fiera del Tartufo Bianco . È una buona idea visitare la Fiera del tartufo bianco all’inizio della tua visita e ritirare i biglietti da visita dai venditori in fiera poiché potresti voler visitare alcune delle vinciteerie o fattorie più tardi durante il tuo soggiorno o ordina i prodotti da spedire a casa.

Piemonte: una regione affascinante di natura e storia

Con le Alpi sullo sfondo, ampie valli pittoresche, lunghi filari di pioppi che conducono a cascine, specchi d’acqua e risaie, il Piemonte offre panorami e ambienti incantevoli.

Vanta arte e cimeli storici, architettura di pregio e paesaggi naturali abbondano in un’area ricca di attrazioni, comprese le sue famose stazioni sciistiche. Il tutto è completato da un’enogastronomia senza eguali e da città eleganti.

Origini e storia del Piemonte

La regione fu abitata per la prima volta nel Neolitico dai Celti tra i fiumi Sesia e Ticino. A loro succedettero i Liguri e discendenti celtici, compresi i Taurini. I Romani utilizzarono la regione come avamposto per controllare i valichi alpini della Valle d’Aosta, fondamentale via di accesso alla Gallia, prima che Giulio Cesare ordinasse la costruzione della città di Julia Augusta Taurinorum, l’odierna Torino.

Caduto l’Impero Romano, il Piemonte passò sotto il controllo di vari popoli germanici, prima di entrare a far parte dell’Impero Carolingio. Il territorio fu suddiviso, creando il Marchesato del Monferrato, che durò fino all’avvento dei Savoia. Sebbene i Savoia non fossero piemontesi, acquisirono una notevole influenza sulla zona controllando i valichi alpini.

In seguito all’assedio di Torino (nel 1706) contro i francesi, Vittorio Amedeo II fu incoronato re del Regno di Sardegna (che comprendeva anche il Piemonte), aprendo la strada a un periodo di grande prosperità per la corte torinese. Dopo un breve periodo di dominio napoleonico, Vittorio Emanuele I riprese il controllo del regno e iniziò l’unificazione del resto d’Italia.

Le principali città del Piemonte

Il nostro viaggio inizia a Torino, capoluogo del Piemonte, noto per il suo raffinato patrimonio storico e artistico. La città vi incanterà con i suoi caffè storici, i musei, le piazze, le chiese e le opere d’arte. Tra i suoi tesori c’è la Mole Antonelliana, icona della città sede del Museo del Cinema. Questo monumentale edificio un tempo deteneva il record per la struttura in mattoni più alta del mondo. Prende il nome dal suo architetto, Alessandro Antonelli.

Da visitare anche il Palazzo Reale di Torino, la più importante delle residenze sabaude, e l’iconico Palazzo Madama, importante sito architettonico Patrimonio dell’Umanità UNESCO sede del Museo Civico di Arte Antica.

Parlando di musei, uno dei più frequentati è sicuramente il Museo Egizio di Torino, il più antico museo al mondo interamente dedicato alla civiltà egizia.

Novara è una città affascinante con un centro storico piccolo e tranquillo, un’architettura colorata, piazze vivaci e un’architettura ottocentesca che si fonde con quella di un illustre novarese, Vittorio Gregotti.

Alessandria nasce come città militare e fortezza contro l’avanzata di Federico I d’Asburgo. Questo singolare passato ha lasciato in eredità alla città grandi monumenti, residenze nobiliari e una struttura imponente e sobria.

Asti è conosciuta per il suo Spumante, la sua pregiata Barbera del Monferrato, la sua ricca gastronomia e il famoso Palio di Asti, una storica festa ippica che ogni anno scuote le vie del centro cittadino. Da visitare anche la vicina Canelli, piccolo centro del Monferrato Astigiano, rinomato per le sue cantine e spumanti.

Cosa vedere in Piemonte: 5 luoghi imperdibili

Sono cinque i luoghi chiave che animano il Piemonte in modo speciale. La prima conduce al Lago d’Orta, uno dei laghi più belli d’Italia, ricco di caratteristici borghi sulle sue sponde. Ospita l’Isola di San Giulio, un’oasi di tranquillità conosciuta come “l’isola del silenzio”. Uno dei borghi più frequentati è Orta San Giulio, con il suo centro completamente pedonale e la piazza principale, popolare spazio sociale in riva al lago.

Le Isole Borromee sono un incantevole arcipelago del Lago Maggiore che comprende l’Isola Bella, l’Isola Madre, l’Isola dei Pescatori, l’Isolino di San Giovanni e lo Scoglio di Malghera.

Gli sportivi ameranno la Via Lattea, comprensorio sciistico internazionale formato dalle località piemontesi di Sestriere, Sauze d’Oulx, Sansicario, Cesana, Claviere e la francese Monginevro. Vanta più di 200 piste che coprono oltre 400 chilometri. Altro luogo imperdibile è la Valsusa, la valle più grande e popolata del Piemonte.

Dallo sport alla storia: consigliamo vivamente una visita alla Reggia di Venaria. Questo Patrimonio dell’UNESCO è una delle residenze sabaude più belle, progettata dall’architetto Amedeo di Castellamonte. Fu commissionato da Carlo Emanuele II, duca di Savoia, che lo volle come sua residenza di caccia. Sontuosa, ricca e imponente, la sua costruzione si ispira alla Reggia di Versailles.

La nostra ultima tappa sono le Langhe, leggendaria zona collinare della provincia di Cuneo e in parte dell’astigiano. Non solo qui vengono prodotti alcuni dei migliori vini del mondo, tra cui il Barbaresco e il Barolo, ma è anche un luogo affascinante da esplorare.

Periodo migliore per visitare Torino e il Piemonte

Proprio come ci si aspetta da un “Italiano vero”, il Piemonte è una regione che sa godersi la vita e fare di ogni giorno una festa o, meglio ancora, una festa. Tutto l’anno, il Piemonte è pieno di fiere enogastronomiche, mescolando una generosa quantità di cultura e arte per soddisfare anche i viaggiatori più pretenziosi. In inverno, quando il tempo invita tutti a mettersi comodi all’interno con un bicchiere di – sì, avete indovinato – vino, i più avventurosi sono i benvenuti ai piedi delle Alpi per godersi lo sci su alcune delle migliori piste europee.

Primavera per i primi fiori

Con il rischio occasionale di una pioggia leggera porta anche la rara opportunità di avere il Piemonte tutto per te, è la stagione della tranquillità. Quasi. Con temperature intorno ai venti gradi e giornate frizzanti, la primavera in Piemonte è fresca e luminosa. Tuttavia, la regione del nord Italia è spesso trascurata durante i primi mesi primaverili a favore delle regioni più meridionali. Un vero peccato, visto che le cime delle colline piemontesi coperte di fiori, sono un vero spettacolo. Se sei disposto a farti baciare da una o due gocce di pioggia, sarai sicuramente ricompensato con visioni che aprono l’anima, del tipo che sono visibili solo nella ravvivante luce primaverile. Questa stagione, che va da marzo a maggio, è perfetta per andare in bicicletta ed esplorare la regione.

L’estate in Piemonte

Se è sole e spensieratezza quello che cerchi, l’estate piemontese ti farà rilassare, un bicchiere di vino in mano, garantito. Agosto in particolare può offrire la vacanza tranquilla che stai cercando, poiché la maggior parte dei locali è in vacanza durante questo periodo. Anche se l’estate-Piemonte può sembrare un po’ troppo calma per alcuni, ha un certo fascino per i cuori romantici che vogliono godersi una vacanza tranquilla ma deliziosa.

L’autunno è per i tartufi

Settembre e ottobre sono senza dubbio i mesi più gettonati per viaggiare in Piemonte, grazie a uno straordinario e prelibato fungo. Sì, stiamo parlando del famoso tartufo bianco che può trasformare in una leccornia anche un semplice uovo al tegamino. Raccolto principalmente nei primi due mesi autunnali, il tartufo bianco raccoglie sempre più visitatori man mano che si avvicina la metà di novembre e ad Alba si riunisce il mercato internazionale del tartufo bianco. Inoltre, festival come l’Alba Music Festival e il Monforte Jazz Festival delizieranno le vostre orecchie con gustose bestie. Durante questi mesi autunnali, il clima è piacevole, le temperature sono giuste e il paesaggio si adatta alle calde tonalità dell’arancione e del giallo. Bello, ma solo se pianificato in anticipo. È l’unico modo per essere sicuri di poter visitare il Piemonte in questo periodo molto, molto intenso.

Inverno sulle piste

Da dicembre a febbraio il Piemonte scivola in un’atmosfera più tranquilla. In effetti, molti hotel e fornitori di servizi di viaggio chiudono i negozi per l’inverno. Tuttavia, il paese delle meraviglie invernale italiano è aperto. Ai piedi delle Alpi, diverse strutture ricettive attenderanno gli appassionati di sci per affrontare le piste. Quindi, nel caso tu abbia voglia di mettere alla prova le tue abilità sciistiche in Piemonte, l’inverno ti accoglierà con neve spettacolare e vino, questa volta vin brulè. Aspettatevi temperature sotto lo zero, ma state certi che vi riscalderete presto sulle piste.

Piemonte – Un paradiso per gli amanti del vino

Dove vai per quella vacanza da sogno se il vino è la tua bevanda preferita e vivi per mangiare, non mangi per vivere? Una destinazione che potresti prendere in considerazione è la valle delle Langhe in Piemonte, nella parte nord-occidentale dell’Italia.

La Valle delle Langhe è la patria di due dei vini rossi più rinomati d’Italia, il Barolo e il Barbaresco, prodotti dall’uva nebbiolo. È una collezione perfetta di dolci colline, praticamente tutte piantate in qualche tipo di vite. Le persone che vivono qui sono molto amichevoli e disponibili anche se non parli italiano (ma aiuta). Oh, e non ha turisti da parete a parete e file interminabili di negozi che vendono souvenir della zona realizzati all’estero. Quello che ha è ottimo vino e ottimo cibo locale.

Nonostante la fama del re, Barolo, e della sua regina, Barbaresco, l’uva nebbiolo non è l’uva più coltivata nelle Langhe. Questo onore va alla Barbera, un’uva eccellente a pieno titolo. Anche piantato in abbondanza è il Dolcetto, originariamente pensato per essere la risposta delle Langhe al Beaujolais, ma oggi viene trasformato in alcuni eccellenti vini rossi che hanno un potere di invecchiamento molto maggiore del Beaujolais (sebbene la maggior parte del Dolcetto venga bevuta da giovane).

È interessante notare che mangiando nei vari ristoranti locali, il vino della casa (vino rosso di casa) sarà probabilmente una delle tante versioni di Dolcetto prodotte nelle Langhe. È molto ragionevole nel prezzo e piacevole da bere. Una nota per chi è confuso quando vede bottiglie di Dolcetto dove la parola Dolcetto è seguita da altri nomi. Questi nomi indicano semplicemente quale dei sette disciplinari DOC in base ai quali è stato prodotto e generalmente si riferiscono al paese più vicino, ad es. Alba, Asti, ecc.

Durante una recente visita nelle Langhe, mia moglie ed io siamo stati nella pittoresca cittadina di Serralunga d’Alba in una deliziosa locanda, Ca d’Calin. Serralunga è una delle tre maggiori zone di produzione del Barolo. Questi sono LaMorra, Serralunga e Barolo. Sorprendentemente, questa è la loro classifica nella quantità di produzione di Barolo. La mia ricerca è stata quella di visitare alcune cantine locali che producono Barolo, grandi e piccole, per poi assaggiare i piatti tipici della zona nei locali di ristoro locali.

Il Barolo porta la più alta applicazione d’Italia, DOCG (Denominazione di Origine Controllata e Garantita). In quanto tale, il vino deve soddisfare standard di produzione molto rigorosi, tra cui tre anni di invecchiamento, due in botte. I vini Reserva devono essere invecchiati per cinque anni. Sebbene ci siano un certo numero di cantine relativamente grandi nella zona, una discreta quantità di Barolo è ancora prodotta da piccole cantine, eredità dei viticoltori del passato. Come la maggior parte degli appassionati di vino sa, la mancanza di dimensioni in un’azienda vinicola non pregiudica la qualità della produzione.

La mia prima visita in cantina è stata al più grande produttore di Barolo della Valle delle Langhe, Fontanafredda. La cantina, situata appena fuori Serralunga, è un’opera d’arte. La cantina nasce oltre 130 anni fa come residenza di caccia e dimora dell’amante del re del Piemonte. Fortunatamente, il loro primo figlio era un appassionato viticoltore e fondò Mirafiori Vini Italiani, il predecessore di Fontanafredda. La cantina originale specializzata in Barolo e quell’attenzione alla qualità continua ancora oggi.

Come molte altre cantine piemontesi, Fontanafredda possiede vigneti dislocati in tutta la Valle delle Langhe. In questa zona si coltivano uve nebbiolo, barbera, dolcetto e moscato. Possiede vigneti anche in altre zone del Piemonte e produce spumante bianco Asti e Gavi. In risposta ai desideri dell’importatore/distributore, Fontanafredda offre una linea completa di vini rossi e bianchi compresi i vini da dessert. Con tutte queste offerte, potresti chiederti se i vini, in particolare i Barolo, sono di altissima qualità.

Dopo aver visitato la cantina e degustato i vini con la signora Ornella Gallo, la mia opinione è che Fontanafredda non ha sacrificato nulla in termini di qualità nella loro offerta ampliata. I Barolo erano eccezionali così come gli altri vini che ho assaggiato. Di particolare rilievo era La LePre, il loro Dolcetto Diano d’Alba. Questo potrebbe essere il miglior Dolcetto che abbia mai assaggiato. Questa cantina merita sicuramente i tanti riconoscimenti che i suoi vini hanno vinto negli ultimi anni.

Dopo aver goduto del paesaggio e dei vini di Fontanafredda, solo un pasto gourmet avrebbe concluso degnamente la giornata. Non siamo rimasti delusi perché abbiamo cenato al Ristorante Italia, un piccolo (tutto a Serralunga era piccolo) ristorante della famiglia Anselma. La signora Anselma, che gestisce anche la caffetteria dall’altra parte della strada, è la capocuoca e il suo cibo era meraviglioso. La sua versione di Brasato al Barolo (manzo cotto al Barolo) era deliziosa così come il Coniglio alla Cacciatora (coniglio). Ad accompagnare il pasto c’era il vino della casa, una Barbera d’Alba prodotta dalla famiglia. La signora Anselma è una sorella della famiglia Massolino, la mia prossima visita in cantina.

La famiglia Massolino produce vino a Serralunga dal 1896 e, a giudicare dal vino che ho assaggiato, sanno davvero quello che fanno. A volte elencati sotto il nome di Vigna Rionda (il nome della tenuta) nei libri di vino, i fratelli Massolino producono la gamma completa dei rossi della Valle delle Langhe più uno Chardonnay e un Moscato dolce. La nostra visita alla cantina molto più piccola (200.000 bottiglie/anno contro 6.000.000 di Fontanafredda) è stata altrettanto piacevole. Il signor Lorento ha spiegato ogni vino e lo ha offerto per la degustazione. Il Massolino Barolo è stato superbo e ha convalidato l’alto punteggio assegnato loro da Luigi Veronelli nel libro molto rispettato The Italian Wine Guide.

La mia ultima cantina visitata a Serralunga è stata Schiavenza, un’altra azienda da 200.000 bottiglie/anno. Avevo visitato qui diversi anni prima e sono rimasto molto colpito. È stato un piacere vedere che nulla era cambiato nel frattempo. Iniziata nel 1956 dai fratelli Alessandria, l’azienda è oggi condotta dalle figlie Enrica e Maura. Il marito di Maura, Luca Pira di un’altra famosa famiglia di vini delle Langhe, segue il vino dalla vigna all’imbottigliamento. Schiavenza produce anche una gamma completa di vini rossi delle Langhe, tutti eccellenti. Il Barolo a parte, sono rimasto molto colpito dal loro Langhe Nebbiolo che purtroppo è stato esaurito in cantina. Questi vini sono disponibili negli Stati Uniti, ma potrebbe essere necessario contattare il loro importatore, Weygant-Metzler Ltd., per conoscere il distributore locale.

Una degna conclusione di un soggiorno assolutamente meraviglioso a Serralunga è stata una cena presso la Trattoria Schiavenza annessa alla cantina. I piatti della tradizione piemontese accompagnati dagli ottimi vini della cantina (o di altri produttori se lo si desidera) rendono un pasto in questa trattoria un must assoluto. Il Brasato al Barolo (il mio secondo del soggiorno) era deliziosamente delizioso e un omaggio al capo chef, la madre di Enrica e Maura, la signora Lucia. È incredibile che un paese delle dimensioni di Serralunga abbia due ristoranti così eccellenti.

Pur non visitando le cantine, abbiamo esplorato la valle mozzafiato e la maggior parte delle sue cittadine. Il pranzo o la cena erano sempre eccellenti e non eccessivamente costosi nonostante il tasso di cambio del dollaro con l’euro. Il paese successivo, Castiglione Falleto (i Falleti un tempo possedevano gran parte della valle), ospitava un’ottima locanda, la Locanda al Teatro, che serviva come vino della casa il bevibilissimo Dolcetto d’Alba prodotto da una cantina situata in comune, Terre del Barolo. Sono un’azienda vinicola emergente.

Se desideri una vacanza rilassante lontano dalla frenesia di turisti invadenti e musei sovraffollati, piena di opportunità per degustare ottimi vini, quasi esclusivamente rossi, e a brevissima distanza da ristoranti davvero eccellenti e dai prezzi ragionevoli (per gli standard europei), allora le Langhe Valle ed in particolare il paese di Serralunga d’Alba offrono molto per voi.

La regione Piemonte d’Italia

Dalle cime alpine innevate alle colline boscose, la regione italiana del Piemonte offre bellezze naturali mozzafiato e una ricchezza di esperienze culturali. Dai pittoreschi villaggi situati nella regione vinicola alle città con impressionanti tradizioni culinarie, questa parte del Paese delizierà sicuramente ogni viaggiatore.

Dov’è il Piemonte in Italia?

Conosciuta in italiano come Piemonte, questa regione si estende per oltre 9.700 mi² (25.300 kmq) dalle Alpi al Mediterraneo e conta una popolazione di oltre 4.300.000 abitanti. Il Piemonte è la seconda regione italiana per estensione dopo la Sicilia.

Confina con la Francia a ovest, la Svizzera a nord e la Lombardia a est. Il versante meridionale è naturalmente delimitato dai monti dell’Appennino che dividono la regione dalla Liguria.

La costa mediterranea è, quindi, a breve distanza in auto.

Cosa c’è vicino al Piemonte?

La vicinanza a Milano, la Costa Azzurra, Portofino e il lago di Como rendono il Piemonte accessibile da tutte le direzioni attraverso una rete ben collegata di autostrade e ferrovie.

Inoltre, il Piemonte è facilmente raggiungibile in aereo attraverso l’aeroporto di Torino ei vicini aeroporti di Milano Malpensa e Genova.

La geografia del Piemonte

Con la facilità di accesso e la vicinanza di tali attrazioni naturali, il Piemonte offre una vasta gamma di attività che attirano famiglie, appassionati di enogastronomia, amanti della vita all’aria aperta e appassionati di storia.

Cosa significa Piemonte?

Il Piemonte racchiude nel nome il riferimento alla conformazione della regione, posta ai piedi dei monti: “pie” sta per piede e “monte” per montagna. Il nome della regione descrive perfettamente la sua posizione ai piedi delle Alpi, che circondano pianure e colline su tre lati.

Il toponimo – dal latino Pedemontis – fu probabilmente utilizzato per la prima volta nell’alto medioevo ma allora non corrispondeva ad alcun territorio amministrativo o politico.

Infatti, le prime tribù autoctone della regione si chiamavano Liguri e già in epoca romana, quella era la parola usata per identificare l’intera terra tra il mare e le Alpi. Oggi, Liguria è il nome della stretta regione che si estende dal confine francese alla Toscana, affacciata sul Mediterraneo.

La catena montuosa chiamata Appennino divenne nel tempo la naturale barriera politico-amministrativa tra la regione costiera della Liguria e la terraferma chiamata, infine, Piemonte.

Le origini geologiche del Piemonte

In origine, le Alpi disegnavano i bordi di un’immensa baia che trenta milioni di anni fa fu completamente inondata da un antico mare, chiamato Tetide.

Il punto in cui oggi le Alpi iniziano a elevarsi dalla pianura può essere immaginato come la precedente linea di spiaggia dove si infrangevano le onde del mare.

Quindi, il restante corpo centrale della regione Piemonte d’Italia è stato lentamente riempito di sedimenti portati giù dai fiumi e successivamente erosi.

Caratteristica peculiare del Piemonte è il brusco passaggio dalle alte quote delle Alpi alla pianura: in altre regioni italiane il passaggio è reso meno severo a causa di una fascia media di rilievi alpini che si ergono tra le Alpi e le valli inferiori (Prealpi ).

Una tale fascia pedemontana non esiste nel settore occidentale, probabilmente a causa del crollo del fondo dell’antico mare. Questo evento ha avuto luogo circa quindici milioni di anni fa.

Cosa rende unico il Piemonte?

La complessa e affascinante formazione geologica del Piemonte può essere considerata il vero tesoro della regione. L’ex mare e le conseguenti inondazioni, erosione e terremoti hanno dato vita a una composizione del suolo unica ma speciale.

I vini di spicco del Piemonte così come l’aroma pungente del tartufo bianco trovano ragione di esistere a causa della formazione del suolo, insieme ad altri fattori.

A testimonianza di questo passato ci sono recenti ritrovamenti sulle colline piemontesi. Il più grande degli ultimi decenni è lo scheletro di una balena, di un delfino e molto altro ritrovato nelle campagne astigiane e conservato oggi nel museo dei fossili della città.

Le migliori cose da buongustai da fare in Piemonte

Il Piemonte è la seconda regione più grande d’Italia e una delle più importanti dal punto di vista storico ed economico. Il Piemonte è noto per il re e la regina dei vini, Barolo e Barbaresco, e per il diamante della cucina, il tartufo bianco. L’autunno è il momento migliore per i buongustai che vogliono assaporare cibo e vino al culmine del raccolto e per coloro che vogliono sperimentare il famoso Festival del tartufo bianco d’Alba. Il Piemonte si trova nell’angolo nord-occidentale dell’Italia, al confine con Svizzera e Francia, e con le regioni Lombardia e Liguria come vicini sul lato italiano. I viaggiatori possono volare direttamente all’aeroporto di Torino o all’aeroporto di Milano – Milano Malpensa è a 2 ore di auto.

Il Piemonte, l’Italia, non riceve la stessa attenzione di regioni come la Toscana, ma come luogo di nascita del movimento Slow Food, questa regione nel nord-ovest dell’Italia dovrebbe essere nella lista dei desideri di ogni buongustaio. Dal sorseggiare grandi Barolo nei borghi medievali alla caccia al tartufo nei boschi, sono tante le cose da fare in Piemonte che delizieranno il palato e riempiranno lo stomaco.

Parzialmente oscurate dalla nebbiosa nebbia mattutina, le dolci colline piemontesi hanno una qualità mistica ben giustificata. È quella famosa nebbia che rende questa terra così fertile. Infatti, le uve Nebbiolo che sono il cuore di ogni vino Barolo, Barbaresco e Nebbiolo prendono il nome dalla parola italiana per nebbia, o “nebbia”.

È anche questa nebbia, unita alla neve che in inverno ricopre il terreno attorno a nocciole, querce, faggi, betulle e pini, che porta alla creazione naturale della prelibatezza che per prima mi ha attirato in Piemonte: l’inafferrabile tartufo bianco o Tartufo Bianco. A differenza del tartufo nero, che può essere coltivato, il tartufo bianco cresce solo naturalmente e ci vogliono un cercatore di tartufi esperto e il suo cane ben addestrato per fiutarlo.

La mia ossessione per il tartufo bianco risale a quasi vent’anni fa, e sono noto per entrare nei ristoranti più raffinati di New York in inverno, alzare il naso ultrasensibile in aria e dichiarare: “Sento odore di tartufo”. Dato che mio marito ha sempre scherzato sul fatto che avrei dovuto provare il mio fiuto nella caccia al tartufo, una visita nella terra del tartufo bianco era d’obbligo.

I nostri interi 5 giorni in Piemonte si sono concretizzati grazie a un evento speciale: il Festival del tartufo bianco d’Alba, che si svolge ogni anno dall’inizio di ottobre all’inizio di dicembre nella città di Alba. Con il desiderio di vivere questa regione durante la migliore stagione del tartufo, io e mio marito abbiamo contattato i nostri amici buongustai e li abbiamo invitati a unirsi a noi per cinque giorni bevendo vino, mangiando tartufi ed esplorando questa bellissima regione e il suo cibo.

Per tutti coloro che apprezzano un buon vino abbinato a un delizioso piatto di pasta o un risotto cucinato alla perfezione, il Piemonte deve essere inserito nella lista dei desideri di viaggio. Come la Toscana, troverai una scacchiera di vigneti che ricoprono dolci colline e una serie di cittadine medievali deliziosamente autentiche. Quello che non abbiamo trovato, anche durante la visita nella migliore stagione del tartufo, era la folla.

Sperimentare la generosità del Piemonte, circondato da italiani e un’infarinatura di turisti sofisticati, ha reso questo viaggio un 10 su 10. Bene, quello e il mio itinerario piemontese meticolosamente pianificato. Se desideri goderti questa regione attraverso viaggi lenti e cibo delizioso, segui questo itinerario di 5 giorni per le cose migliori da fare in Piemonte per i buongustai.

10 piatti tipici piemontesi da provare

Salsa verde

Chiamata anche ‘bagnetto verde’, la salsa verde è più di una semplice salsa di accompagnamento. Si tratta infatti di un piatto tipico piemontese con un carattere tutto suo. A base di prezzemolo, la salsa verde accompagna carne e pesce, grazie al suo perfetto equilibrio tra uova, acciughe e altri ingredienti.

Bagna cauda

La bagna cauda è un caposaldo della cucina tipica piemontese. È una salsa a base di aglio che si mantiene calda in tavola ed è perfetta per intingere verdure crude di stagione. Il contrasto tra la salsa punchy calda e le verdure croccanti fredde è un’esperienza sensoriale da non perdere.

Bollito misto piemontese

Il Piemonte è famoso anche per la sua produzione di carne di alta qualità. Gli ampi spazi aperti e l’aria pulita sono le condizioni ideali per allevare bestiame di ottima qualità. Ed è qui che entra in gioco il bollito misto piemontese, preparato tradizionalmente con sette diversi tipi di carne (cinque tagli di manzo, uno di maiale e uno di pollame).

Fritto misto alla piemontese

Un’altra eccellenza tra i piatti tipici piemontesi è un mix di bocconcini fritti. Si tratta di un piatto fritto leggero e croccante che viene servito in un’unica portata e comprende diversi tagli di carne, verdure e frutta. Il suo segreto è proprio questo piacevole contrasto tra dolce e salato.

Risotto al Barolo

Come abbiamo detto, il Piemonte è anche terra di vitigni. Il vino qui è strutturato e generoso, ed è per questo che uno dei primi piatti tipici piemontesi è il risotto al Barolo. In questa ricetta la qualità del riso è importante quanto la bottiglia che apri per cuocerlo, quindi fai attenzione alla scelta degli ingredienti e a questi cinque consigli per il risotto perfetto.

Tajarin al tartufo

Ancora indeciso su cosa mangiare in Piemonte? La pasta al tartufo dovrebbe essere in cima alla tua lista, se è di stagione. Sì, perché qui le stagioni sono scandite dal tartufo bianco d’Alba, uno dei prodotti più pregiati al mondo. Ecco la ricetta dei tajarin al tartufo bianco da provare a casa.

Vitello tonnato

Tra gli antipasti tipici piemontesi non può mancare il famoso vitello tonnato, detto anche vitel tonnè. Per preparare un perfetto vitello tonnato bisogna scegliere un bel taglio di magatello che deve essere cotto alla perfezione e rosato al centro. La salsa tonnata gioca un ruolo fondamentale, e per prepararla bisogna partire da una maionese fatta a mano.

Bicerin

Si passa poi ai dolci tipici piemontesi, che non si possono riassumere in un breve elenco. Tra questi il bicerin, caffè tipico del capoluogo torinese, considerato il padre dell’odierno cappuccino. Il Bicerin è fatto con caffè, cioccolato e panna. Un modo dolce per iniziare la giornata tra le bellezze di Torino.

Osso

Il bonet è anche uno dei dolci piemontesi più famosi. Cioccolato sinuoso, mandorle e amaretti fanno di questo dolce uno dei più apprezzati della regione.

Baci di dama

Una menzione speciale va a baci di dama. Questi dolci deliziosi, friabili e burrosi sono racchiusi tra loro da una leggera crema spalmabile al cioccolato. Impossibile resistere a questi ‘baci di dama’ in qualsiasi momento della giornata.

Il Piemonte nel piatto: la rigogliosa terra italiana di cibo, vino e arte

È marrone, dall’aspetto fangoso e potrebbe rendere l’alito un po’ puzzolente, ma per gli amanti del piccante e del salato, la bagna càuda è gloriosa. La ricetta è semplice: aglio a fettine (una testa intera a persona!), olio d’oliva e acciughe, cotte lentamente fino a ottenere un fango appiccicoso in cui i commensali intingono patate, peperoni (arrostiti o crudi), sedano, cipollotti e, soprattutto in Piemonte, cardi – un parente del carciofo simile al cardo. Con buoni amici, buon pane e caraffe di buon vino rosso, è una serata conviviale.

È stato il vino ad attirarci in questa parte del nord-ovest d’Italia: la zona delle Langhe è famosa per i vini pregiati come il Barolo e il Barbaresco. Ma ero stata incuriosita anche da una zona collinare vicina chiamata Roero – tutelata dall’Unesco dal 2014 – i cui vini stanno iniziando a lasciare il segno, e dalle specialità gastronomiche che accompagnano.

Il paesaggio delle Langhe è di viti da parete a parete, ma non appena attraversiamo il fiume Tanaro nel Roero, il panorama è più vario, con tratti di bosco secolare, frutteti e noccioleti che si mescolano ai vigneti. Le colline arrotondate sono anche punteggiate da drammatiche rocche – burroni con scogliere, pinnacoli e canaloni, creati quando il Tanaro cambiò bruscamente corso 250.000 anni fa. Un nel villaggio di Montà offre mappe dei sentieri, percorsi per mountain bike e altro ancora. (Nuovo nel mercato delle e-bike è il produttore di motociclette MV Agusta, che ha collaborato nei villaggi del vino.) Ma piove a dirotto e abbiamo vino da assaggiare.
Comune di Barbaresco. Foto: Alessandro Sgarito/Ente per il Turismo LMR

Il re dei vini del Roero è Giovanni Negro, una figura straordinaria che ha trasformato l’azienda di famiglia in un produttore di 21 etichette classiche e di riserva. Nella sua cantina di Canale, si entusiasma per i terreni sabbiosi del Roero, che danno vita a rossi profumati e setosi con sapori di lampone e pesca preservati dall’invecchiamento in botti grandi, quindi le note legnose non dominano. Sono anche belli nel bicchiere: un cremisi traslucido, come i rubini fusi.

Ma mentre i rossi sono famosi, è molto orgoglioso di un bianco che ha sviluppato dall’uva locale arneis, per dimostrare che era possibile creare un vino bianco che può essere invecchiato come un rosso. Gli ci sono voluti 10 anni, ma oggi il suo 2019 è un vino ricco, fruttato, avvolgente con una leggera frizzantezza e un sapore saporito dai sali minerali nel terreno – e destinato a continuare a migliorare.

La cosa migliore di Giovanni, però, è il modo in cui il suo entusiasmo ha ispirato i giovani del Roero. Il giorno dopo, nelle vicinanze, siamo sorpresi di vedere che mentre ci sono alcuni vecchietti brizzolati, una buona metà dei produttori di vino che raccolgono premi ha appena superato i 20 anni.

Questo sembra essere un segno distintivo di questo pezzo di basso Piemonte: giovani che scelgono di restare nelle zone rurali per lavoro, ma portano le proprie idee. Tra i tanti ottimi ristoranti in cui abbiamo mangiato nelle Langhe e nel Roero, quello di Elena Risaglia, nel comune di Serravalle Langhe, si è distinto per personalità e semplicità.

“Le ho detto che non avrebbe avuto vita sociale, se l’avesse fatto”, ha detto la madre di Elena, Laura, ma Elena, che ora ha 32 anni, era decisa a rilevare la cucina del ristorante dai suoi genitori. Ha messo la sua impronta sul menu (quattro portate da 27 euro), anche riportandolo indietro nel tempo, riproponendo antichi piatti piemontesi come la tartrà, un saporito uovo al forno con erbe aromatiche e salsa di pomodoro fresco, e il coniglio in agrodolce con un pizzico di peperoncino. I clienti adorano questa cucina povera (cucina della povertà), ha detto Laura, che ora lavora davanti a casa. Ma questa è una terra ricca, aggiunse Elena, fertili valli e colline pullulano di tartufi, funghi e selvaggina, e la gente povera potrebbe fare qualcosa di meraviglioso, diciamo cavolo, cipolla e formaggio.

Anche nel paesino delle Langhe, Barbaresco, le idee si fanno strada tra i giovani. Al premiato , il nipote ventenne del fondatore sta supervisionando l’aggiunta dell’enoturismo alla vinificazione, con tour, degustazioni e un caratteristico B&B con una terrazza per la colazione con vista sul Tanaro. A pochi passi, la Torre di Barbaresco, alta 30 metri, fu costruita alla fine del 1300 ma cadde in rovina nel XX secolo. Ora restaurato, è un centro vinicolo, con degustazioni, spazio espositivo e viste dall’alto di queste sacre terre vinicole e delle cime alpine innevate a ovest.

Dall’inizio di questo secolo, le aziende vinicole hanno migliorato queste magnifiche colline, commissionando opere d’arte site-specific per completarle, in particolare dall’artista britannico/svizzero David Tremlett, noto per i dipinti murali nei musei, nelle chiese e nelle piazze. In una strada laterale vicino al ristorante di Elena, Per le Langhe è una cappella dismessa il cui interno è un mix di affreschi del XIV secolo e moderni disegni geometrici di Tremlett in grigio, nero, verde e bianco. La prima opera di Tremlett in Piemonte, realizzata con , e commissionata dalla famiglia Ceretti nel 1999, si affaccia su un crinale ricoperto di viti nella migliore terra del barolo. La Cappella del Barolo, un tempo cappella dei braccianti, ora si staglia tra queste colline in una strabiliante esplosione di verde, viola, arancio, giallo, rosso e blu acceso.

Un altro, in un antico monastero trasformato in hotel di lusso, il Relais San Maurizio, è visitabile gratuitamente su prenotazione (). L’ultima tappa del sentiero Tremlett è un’altra cappella dipinta a Coazzolo, con vista sui vigneti di moscato fino ai 3.841 metri del Monviso, al confine con la Francia.

Appetiti acuiti dall’arte d’avanguardia, siamo tornati a pensare ai nostri stomaci, e cosa si abbina meglio a un vino corposo se non un formaggio saporito? Ma questo non significa necessariamente mucche. A , 770 metri su una collina delle Langhe meridionali, l’azienda agricola della famiglia Adami 300 pecora delle Langhe, una razza che hanno salvato dalla quasi estinzione. I percorsi toccano gli ampi e ventilati pascoli, il laboratorio dove il latte crudo diventa sette tipi di formaggio, tra cui il murazzano a denominazione d’origine protetta, e una degustazione guidata di cugna langhe, una composta fermentata di pere, prugne, succo d’uva, spezie e noci. Una prelibatezza pregiata in piena estate sono i formaggini di pecora freschi e cremosi di un giorno, prodotti quando l’erba è rigogliosa e le giornate sono lunghe.
Un vigneto nel Roero

Ancora più specializzati sono i giovani coniugi Barbara e Lorenzo di , che non producono formaggi in proprio ma, dal 2018, applicano la loro esperienza per rendere prelibati i prodotti altrui. Comprano formaggio nuovo (che è solo un mattone di latte acido, sottolinea Barbara) da piccoli produttori selezionati e aggiungono bontà con stagionatura, spezie e, l’ingrediente più importante, il tempo nella loro cantina rivestita di mattoni con scaffali di legno grezzo. Tondi, quadrati, cilindri e grossi fusti vengono accuditi come bambini, rivoltati e lavati, spazzolati, strofinati con olio, grappa, acqua e aceto. Nella loro sala degustazione un “orologio” di formaggi comprendeva una ricotta salata dall’odore di pecora e uno stracchino all’antica giallo dal beta carotene in erba fresca.

Quindi questo è vino e formaggio. Manca solo il pane. Nel borgo di La Morra, un mulino per cereali dell’800 che beneficia anch’esso del revival slow food. Nel XX secolo l’uso delle macine tradizionali è quasi scomparso quando i mugnai sono passati ai rulli. Il proprietario Giovine Sobrino ha saggiamente acquistato le pietre man mano che i mulini venivano demoliti, e ora l’azienda, biologica dal 1993, lavora con gli agricoltori locali (per meno chilometri di grano) producendo farine biologiche macinate a pietra (basso indice glicemico, più nutrienti) da grano, avena, mais , riso e vari grani antichi.
Paesaggio dell’Alta Langa Foto: Mikael Masoero/APT LMR

Il nipote di Giovine, Stefano, ci ha fatto visitare l’unico mulino completamente in legno in Italia: sembra un museo funzionante. Dietro, nella casa del mugnaio, ci sono cinque spaziose camere B&B (da € 95 B&B) e un appartamento, tutti in colori tenui con soffitti scuri con travi in legno. C’è una terrazza e una piscina e, naturalmente, pane e dolci fatti in casa per colazione.

Cibi da provare in Piemonte, Italia

Una cosa che amo dell’Italia è il modo in cui ogni regione ha le sue specialità alimentari distinte e come destinazione nota per il suo cibo, i piatti piemontesi sono eccezionali. Ci sono molti piatti che troverai nei menu durante il tuo soggiorno e, in caso contrario, stai sbagliando. Alcuni cibi piemontesi da provare sono:

    • Bagna Cauda – quando il mio amico l’ha descritta come pasta di acciughe ho subito storto il naso ma una volta che mi hanno convinto a provare la bagna cauda appena fatta alla Sagra del Tartufo Bianco, ho cambiato tono. Traducendo in un “bagno caldo” per intingere le verdure, la bagna cauda è una calda crema spalmabile a base di acciughe e aglio, pesante sull’aglio. Servito caldo e fresco è delizioso. Girando per Alba abbiamo visto diverse bancarelle con le loro magliette e mercanzie “Keep Calm and Bagna Cauda On”.
    • Risotto – Il Piemonte, lungo la Pianura Padana, è uno dei maggiori produttori di riso in Italia, in particolare il riso carnaroli o arborio utilizzato nei risotti. Troverai il risotto nella maggior parte dei menu piemontesi. Spesso è condita con scaglie di tartufo bianco. Nella vicina Milano troverai il risotto alla milanese, fatto con lo zafferano.
    • Tartufi bianchi – i tartufi bianchi sono forse il prodotto alimentare più famoso del Piemonte. La stagione del tartufo bianco va da settembre a gennaio. I tartufi hanno un prezzo al chilogrammo, quindi molti ristoranti elencheranno il costo di un piatto più un supplemento in base alla quantità di tartufo che vuoi sopra. Altri avranno un prezzo compreso. Il tartufo si trova su risotti, pasta, uova e praticamente su tutto il resto. I tartufi neri sono disponibili anche durante l’estate da maggio a settembre.
    • Nocciole – queste noci sono un altro prodotto alimentare piemontese. Le nocciole vengono raccolte ad agosto e utilizzate per realizzare prodotti da forno come biscotti e torte, e vengono anche tostate con sale, spezie, zucchero e cannella. Le nocciole vengono anche trasformate in creme spalmabili e burro come la Nutella. Tuttavia, mentre la Nutella è composta per il 13% da nocciole e per il resto da olio di palma, molte delle creme spalmabili alla nocciola prodotte dai piccoli produttori locali sono per il 55% da nocciole e puoi sentire la differenza!
    • Tajarin – nel Sud Italia la pasta è fatta con farina di semola o semola, ma nel Nord Italia la pasta è fatta con farina tenera 00. Uno dei piatti di pasta più apprezzati nei menu piemontesi sono i tajarin, una pasta lunga e sottile fatta con tuorli d’uovo per dargli quel bel colore giallo. A volte viene servito con un ragù di carne ma spesso viene servito con burro e salvia o burro e tartufo bianco.

  • Agnolotti del plin – gli agnolotti del plin sono tasche ripiene di vitello realizzate facendo un plin, o “pizzico” che conferisce alla pasta una forma simile ai tortellini. Questi sono tipicamente serviti con burro e salvia o tartufo.
  • Vitello tonnato – questo piatto di carne è una fettina di vitello condita con una cremosa salsa tonnata simile alla maionese con capperi, che di solito viene servita fredda come antipasto.
  • Tartare di manzo – un altro piatto che vedrai in molti menù è la tartare di manzo piemontese o di vitello condita con olio d’oliva, limone, sale e pepe (e talvolta condito con tartufo). La mia amica Tracy era una grande fan e anche se non sei un fan dei salumi o dei salumi, dovresti assaggiarlo almeno una volta perché è incredibilmente tenero.
  • Brasato al Barolo – questo è un brasato di manzo a cottura lenta cotto nel vino Barolo che troverai in molte trattorie locali.
  • Salsiccia di Bra – è una salsiccia di vitello cruda che viene spesso servita come antipasto. Era difficile concepire che fosse sicuro da mangiare, ma è un piatto comune, dicono solo per evitare quelli che sono rosso vivo o rosa.
  • Formaggi – Il Piemonte è anche una regione famosa per la produzione di formaggi con varietà come Castelmagno, Toma e Rosso di Lago, tra gli altri.
  • Vino – ovviamente, il Piemonte è meglio conosciuto per i suoi incredibili vini. I più famosi sono il Barolo, il Barbaresco, il Nebbiolo, il Dolcetto, il Roero Arneis (un bianco che per noi è stato una grande scoperta), il Gavi e il Moscato d’Asti.

La storia del Piemonte

Il Piemonte, noto anche come Piemonte in italiano, è una regione situata nella parte nord-occidentale dell’Italia. Confina con la Francia a ovest, la Svizzera a nord, la Lombardia a est e la Liguria a sud. La regione è nota per i suoi splendidi paesaggi alpini, la deliziosa cucina e gli ottimi vini. In questo articolo esploreremo la storia, la geografia, il cibo locale e le principali attrazioni del Piemonte. Quindi continua a leggere per scoprire tutto ciò di cui hai bisogno sulla regione.

La storia del Piemonte risale a tempi antichissimi quando la zona era abitata dalle tribù liguri. Successivamente fu conquistata dall’Impero Romano e durante il Medioevo fu governata da vari feudatari. Nel XVI secolo, Casa Savoia divenne la dinastia regnante della zona e tale rimase fino all’Unità d’Italia nel 1861.
Durante questo periodo, il Piemonte ha svolto un ruolo significativo nel Risorgimento, il movimento per l’unificazione italiana. Questo movimento è stato fondamentale per l’istituzione dell’Italia come proprio paese. Il capoluogo della regione, Torino, è stato il luogo di nascita del Risorgimento e patria di molte delle sue figure di spicco, tra cui Camillo Cavour, un importante statista e primo presidente del Consiglio d’Italia.

Il Piemonte è una regione di grande diversità, che va dalle vette alpine del massiccio del Monte Rosa alle dolci colline delle Langhe e del Roero. L’area è anche sede di numerosi fiumi, tra cui il Po, il fiume più lungo d’Italia, che scorre attraverso la regione da ovest a est ed è un luogo meraviglioso da visitare.

Il resto della regione è diviso in otto province, con Torino che è la più grande e popolosa. Altre città importanti sono Alba, Asti, Biella, Cuneo e Novara.

La cucina piemontese è rinomata per i suoi ricchi sapori e piatti sostanziosi, con particolare attenzione agli ingredienti freschi e di stagione. La regione è nota per i suoi tartufi, le nocciole e il vino, tutti molto apprezzati sia dalla gente del posto che dai turisti.

Uno dei piatti piemontesi più famosi è la bagna cauda, una salsa calda a base di aglio, acciughe, olio d’oliva e burro, servita con una varietà di verdure. Altro piatto popolare sono gli agnolotti, un tipo di pasta ripiena di carne o verdure e condita con un sugo a base di brodo di carne e burro.

Il Piemonte è anche la patria di numerosi formaggi famosi, tra cui la Toma dolce e piccante e il Castelmagno cremoso e pungente. Per dessert, i visitatori possono concedersi la gianduia, una crema spalmabile di nocciole al cioccolato, o provare una fetta della torta tipica della regione, la torta di nocciole, fatta con le nocciole. Pertanto, se sei un buongustaio, il Piemonte è una delle migliori regioni d’Italia da visitare.

Il vino è un altro fiore all’occhiello della cucina piemontese, con la regione che ospita diverse famose zone vinicole, tra cui Barolo, Barbaresco e Asti. Il Barolo è noto come il “re dei vini”, mentre Asti è famosa per il suo spumante, noto come Asti Spumante.

Il Piemonte ha una ricchezza di attrazioni da esplorare per i visitatori, che vanno dalla sua straordinaria bellezza naturale al suo ricco patrimonio culturale, che lo rende un luogo eccellente per il turismo.

Una delle attrazioni più famose della regione è la città di Torino, che ospita molti monumenti storici, come la Mole Antonelliana, conosciuta come il simbolo della città, e il Palazzo Reale di Torino, antica residenza di Casa Savoia . La stessa Torino ha una storia lunga ed emozionante, essendo stata la prima capitale d’Italia, e può essere associata alle arti mitiche. Si dice che Torino possieda due anime: una associata alla magia bianca e l’altra alla magia nera.

Secondo le coordinate, Torino forma uno dei punti di un triangolo di magia bianca, con Praga e Lione gli altri. Grazie a questo, è spesso indicata come la “Città della Magia”.

Torino, inoltre, si trova nel nesso della magia nera, che comprende anche San Francisco e Londra. Infine, la famigerata Piazza Statuto è dove un tempo i detenuti venivano processati e messi a morte per scongiurare la magia nera.

Un’altra meta imperdibile è la zona delle Langhe, una regione collinare famosa per i suoi vigneti e le affascinanti città collinari, come Alba, Barolo e Barbaresco. Il sito è noto anche per i suoi tartufi e i visitatori possono partecipare a tour di caccia al tartufo per provare l’emozione di trovare queste preziose prelibatezze.

Per gli amanti dell’outdoor, anche il Parco Nazionale del Gran Paradiso è una meta imperdibile. È il parco nazionale più antico d’Italia e si estende su una superficie di oltre 700 chilometri quadrati. Il parco ospita una vasta gamma di animali selvatici, tra cui stambecchi, camosci e aquile reali. Inoltre, i visitatori possono praticare escursioni, alpinismo e sci nel parco, oltre a ammirare i suoi splendidi paesaggi alpini.

Il Piemonte è noto per i suoi splendidi laghi, tra cui il Lago Maggiore e il Lago d’Orta. Il Lago Maggiore è il secondo lago più grande d’Italia ed è circondato da pittoresche cittadine, come Stresa e Verbania. I visitatori possono fare gite in barca sul lago e sulle sue isole o praticare sport acquatici, come il kayak e il paddleboarding.Un’altra meta popolare in Piemonte è la città di Ivrea, famosa per il suo carnevale annuale, noto come la Battaglia delle Arance. Durante il carnevale, i locali si travestono con costumi medievali e si colpiscono a vicenda con le arance in una rievocazione di una storica rivolta contro i governanti tirannici.

Per gli appassionati di storia, la città di Alessandria è una meta imperdibile. Fu fondata nel XII secolo e svolse un ruolo significativo nelle battaglie tra Francia e Austria per il controllo del nord Italia. I visitatori possono esplorare le fortificazioni storiche della città, tra cui la cittadella di Alessandria, progettata dal famoso architetto Vauban.

In conclusione, il Piemonte è una regione di grande bellezza, ricca di storia e deliziosa cucina. I suoi splendidi paesaggi alpini, le affascinanti cittadine collinari e i famosi vigneti ne fanno una destinazione imperdibile per ogni viaggiatore in Italia. Che tu sia interessato alla storia, alla cultura o alle attività all’aria aperta, il Piemonte ha qualcosa per tutti i gusti. Allora perché non programmare il tuo prossimo viaggio in questa incantevole regione e scoprire tutto ciò che offre?